Vai al contenuto
Home » Notizie dall’osservatorio » Turismo Veneto: le sfide della primavera-estate

Turismo Veneto: le sfide della primavera-estate

L’indagine trimestrale sui servizi turistici realizzata da Unioncamere Veneto offre un focus sulle sfide future delle imprese turistiche. Vi invitiamo all’approfondimento del report congiunturale.

La rilevazione di gennaio-febbraio 2022 ha messo in luce alcuni aspetti qualitativi, che interessano, oltre i canali di vendita e promozione, gli elementi valoriali e i prodotti che secondo il campione dei rispondenti caratterizzeranno il mercato turistico durante la prossima primavera ed estate.

Dall’analisi congiunturale è emerso che circa la metà delle imprese intervistate (49%) ha indicato “I prodotti locali e l’alimentazione salutare” come elementi valoriali emergenti, a cui segue il 46% che ha selezionato “Il made in Italy”, il 39% con “La riscoperta dell’autenticità e delle tradizioni locali” ed il 37% “L’attenzione all’ambiente”.

Analizzando però le singole categoria turistiche (alberghi, ristoranti ed altre attività) si può notare come gli operatori della ricettività ritengano che i valori emergenti che caratterizzeranno questa primavera ed estate saranno soprattutto l’attenzione all’ambiente (50,8%), ma anche alla salute, al benessere ed alla forma fisica (49,5%) ed il made in Italy (49,3%).

La maggioranza dei ristoranti rispondenti ritiene di prioritario interesse il tema relativo ai prodotti locali ed all’alimentazione salutare (50,6%) e concorda con la maggioranza degli albergatori sul made in Italy (45,7%) quale valore emergente.

Circa il 51% delle altre attività crede che si manifesterà una maggiore attenzione al patrimonio naturalistico e circa il 45% ha segnalato il patrimonio culturale come elemento rilevante nella domanda turistica.

Valori turistici emergenti, attesi per la primavera-estate dagli operatori di ogni comparto della filiera turistica veneta.
Fonte: Elaborazione dell’Osservatorio del Turismo Regionale Federato.

I prodotti turistici emergenti

Inoltre, è stato domandato agli intervistati su quali prodotti il turismo veneto dovrà puntare maggiormente durante la primavera-estate. 

Dall’investigazione risulta che più del 65% dei rispondenti totali ha indicato “l’enogastronomia ed i prodotti tipici” come prioritari, circa il 50% ha indicato che i prodotti emergenti dovrebbero riguardare il patrimonio artistico e culturale ed il 49% dei rispondenti crede che i prodotti turistici dovranno valorizzare maggiormente la natura e l’ambiente. 

Analizzando i singoli comparti della filiera turistica, sembrano non esserci differenze significative fra essi.

Infatti il 65% degli albergatori ha indicato “natura e ambiente”, circa il 60% ha selezionato “patrimonio artistico e culturale” ed “enogastronomia e prodotti tipici”. 

Il 66% dei ristoratori rispondenti ha scelto “enogastronomia e prodotti tipici”, circa il 48% “patrimonio artistico e culturale” e più del 46% crede che i prossimi prodotti turistici veneti dovrebbero interessare la natura e l’ambiente.

Gli operatori delle altre attività, partecipanti al questionario, concordano con albergatori e ristoratori: circa il 68% ha indicato “patrimonio artistico e culturale”; il 62% “enogastronomia e prodotti tipici”; circa il 50% suggerisce di puntare su prodotti turistici collegati a “natura e ambiente”. 

prodotti turistici emergenti, attesi per la primavera-estate dagli operatori di ogni comparto della filiera turistica veneta.
Fonte: Elaborazione dell’Osservatorio del Turismo Regionale Federato.

Questi risultati sono complementari agli altri indicatori dell’Osservatorio e consentono a operatori e destinazioni di orientare la propria attività in ambito turistico per la primavera-estate 2022.