Vai al contenuto
Home » Notizie dall’osservatorio » Aeroporti: i mercati internazionali riaprono

Aeroporti: i mercati internazionali riaprono

Arrivi e partenze - aeroporto

Continua la ripresa del traffico aereo internazionale, in coincidenza con l’allentamento se non la totale caduta delle restrizioni in ingresso nei vari Paesi europei.  Lo avvalorano i dati pubblicati dal Ministero del Turismo ed Enit relativi alle prenotazioni nei prossimi due mesi.

Nella prima settimana di maggio, le prenotazioni aeree per l’Italia sono aumentate e per il mese di giugno risultano in crescita tanto da arrivare a superare i livelli pre-pandemia.

In questo quadro assumono una valenza positiva i dati pubblicati da SAVE sull’andamento del traffico aereo nell’ultimo mese e che fanno guardare con fiducia al prosieguo della stagione.

Gli scali aeroportuali di Venezia, Treviso, Verona hanno rilevato circa 3,1 milioni di passeggeri tra gennaio e aprile 2022.  Il recupero del traffico è stato pari al 62% rispetto il primo quadrimestre 2019, per 34.555 movimenti complessivi. Il mese di aprile si è chiuso con oltre 1,2 milioni di passeggeri, pari all’81% del traffico del corrispondente mese del 2019.

La ripresa confermata dagli aeroporti veneti

L’aeroporto di Venezia ha registrato 798mila passeggeri nel mese di aprile e 1,87 milioni da inizio anno. Il recupero di traffico rispetto al 2019 è stato del 62%, con un andamento progressivo nel corso dei mesi (il recupero nel mese di aprile è stato dell’82%).

Il mercato domestico si è confermato principale mercato di riferimento, con 534mila passeggeri nel primo quadrimestre (29% del traffico totale). Principali mercati internazionali sono stati Francia, Gran Bretagna e Spagna. Prima città di destinazione è stata Parigi, seguita da Londra, Napoli, Catania e Barcellona.

Il mese di aprile 2022 è stato quello a maggior volume di passeggeri dopo ottobre 2019. Nel corso del mese di aprile sono riprese le operatività lungo raggio per il Canada (Toronto e Montreal), che si sono aggiunte al volo già operativo per Dubai di Emirates.

Lo scalo di Treviso ha movimentato 223mila passeggeri in aprile e 670mila nel primo quadrimestre, con un recupero del 62% dei flussi del 2019 e un andamento progressivamente positivo da inizio anno (nel mese di aprile il recupero sui passeggeri del 2019 è stato del 79%). 

L’88% dei passeggeri ha viaggiato su destinazioni internazionali. Principale mercato nei primi 4 mesi del 2022 è stato il mercato domestico, seguito da Gran Bretagna, Spagna, Romania e Belgio.

L’aeroporto di Verona ha gestito 206mila passeggeri nel mese di aprile e 569mila nel primo quadrimestre. Il recupero dei volumi di traffico del 2019 da inizio anno è stato del 65% (79% in aprile).

Nel mese di aprile sono state lanciate 5 nuove rotte: Porto e Palma di Maiorca di Ryanair; Parigi CDG e Barcellona di Volotea; Amburgo di Eurowings.

Da gennaio la contribuzione del traffico domestico, principale mercato dello scalo veronese, è stata del 53% (quasi 300mila passeggeri). Secondo mercato per traffico passeggeri è stato quello inglese, seguito da Albania, Germania ed Egitto. L’andamento del traffico dei primi mesi dell’anno è legato anche alla ripresa del traffico outgoing verso l’Egitto e alcuni mercati lungo raggio.

Principali città di destinazione tra gennaio e aprile sono state Catania, Palermo e Bari (208mila passeggeri complessivi).

È necessario evidenziare che, sebbene la provenienza dei voli non coincida con quella dei turisti, si è manifestata una significativa riapertura dei mercati internazionali tra gennaio e aprile 2022.

Questi importanti risultati sono frutto della proficua collaborazione tra SAVE e l’Osservatorio Turistico Regionale Federato.