Vai al contenuto
Home » Notizie dall’osservatorio » Veneto e gli scali aeroportuali: arrivi in aumento

Veneto e gli scali aeroportuali: arrivi in aumento

Arrivi e partenze - aereoporto

Nonostante le problematiche logistiche che interessano principalmente gli scali e le compagnie aeree del Nord Europa, il numero di arrivi in Veneto continua ad accrescere, registrando buoni tassi di recupero rispetto al 2019.

Gli scali di Venezia, Treviso, Verona hanno movimentato oltre 6,1 milioni di passeggeri nel primo semestre 2022, con un recupero del 72% del traffico dei primi 6 mesi del 2019.

Il mese di giugno si è chiuso con oltre 1,6 milioni di passeggeri, pari all’87% del traffico del corrispondente mese del 2019.

L’aeroporto di Venezia ha registrato oltre 1 milione di passeggeri nel mese di giugno e 3,8 milioni da inizio anno. Il recupero di traffico rispetto al 2019 è stato del 72%, con un andamento progressivamente positivo nel corso dei mesi (nel mese di giugno il recupero è stato dell’87%). Principale mercato di riferimento tra gennaio e giugno si è riconfermato il mercato domestico, con oltre 1 milione di passeggeri (26% del traffico totale), seguito da Francia, Gran Bretagna e Spagna.

Le principali destinazioni sono state Parigi CDG, Napoli e Catania. I passeggeri tra Venezia e i mercati lungo raggio (Stati Uniti, Canada, Emirati Arabi) sono stati 150mila nel primo semestre, di cui 70mila nel mese di giugno.

Lo scalo di Treviso ha movimentato 250mila passeggeri nel mese di giugno e 1,16 milioni nel primo semestre, con un recupero del 71% dei flussi del 2019 (il recupero nel mese di giugno è stato dell’88%). L’89% dei passeggeri ha viaggiato su destinazioni internazionali (principale mercato internazionale: Spagna, seguito dalla Romania).
Principali rotte nei primi 6 mesi del 2022 sono state Bruxelles CRL, Bucarest OTP e Tirana.

L’aeroporto di Verona ha gestito 355mila passeggeri nel mese di giugno e quasi 1,2 milioni nel
primo semestre dell’anno, recuperando il 74% dei volumi di traffico del 2019 (85% in giugno).
La contribuzione del traffico domestico, principale mercato dello scalo veronese, è stata del 49% (573mila passeggeri). Secondo mercato per traffico passeggeri è stato il mercato inglese, seguito da Albania e Germania.

L’andamento positivo del traffico è legato al lancio di nuove rotte dalla stagione estiva, oltre che alla riapertura del traffico leisure sia incoming (principalmente Gran Bretagna) che outgoing (principalmente Mar Rosso e Spagna).
Principali destinazioni nazionali del primo semestre sono state Catania e Palermo; prime
destinazioni internazionali sono state Londra e Tirana.