Vai al contenuto
Home » Notizie dall’osservatorio » Il mercato del lavoro veneto cambia

Il mercato del lavoro veneto cambia

Mercato del lavoro

L’Osservatorio Mercato del Lavoro (MDL) ha recentemente pubblicato un’indagine relativa all’andamento del mercato occupazionale in Veneto.

Com’è noto, l’avvicinarsi della stagione estiva in Veneto aveva portato con sé un urgente reclutamento del personale senza precedenti per gran parte della filiera turistica a causa della pandemia e delle sue inevitabili conseguenze. Effetti che avevano interessato, in particolare i comparti del ricettivo e della ristorazione nelle località balneari venete.

Nel corso del 2022 il mercato del lavoro regionale vede una ripresa progressiva e globale, che si accentua in special modo nei mesi di aprile e maggio. 

Analizzando il settore turistico, si evidenzia una crescita positiva delle assunzioni pari al 2,4% nel confronto con lo stesso periodo del 2019 (anno record per il livello occupazionale in Veneto), motivato da un incremento del 12% delle assunzioni in vista della stagione estiva a cui però si contrappone una significativa diminuzione del -6,3% dei contratti non stagionali (Vedi Tab.1).

Fonte: Misure 112 Turismo – Veneto Lavoro.

Ciò dimostra come nel settore turistico veneto continui comunque a manifestarsi una forte prevalenza di assunzioni stagionali a discapito dei contratti non stagionali. In conseguenza di ciò, gli operatori del settore vivono una certa precarietà che si protrae di anno in anno, di stagione in stagione: gli imprenditori e datori di lavoro trovano difficoltà nella ricerca di personale; i lavoratori dipendenti vivono l’insicurezza di un posto occupazionale non stabile.

Inoltre, le assunzioni stagionali turistiche hanno interessato maggiormente i senior ed i giovani che hanno visto rispettivamente crescite occupazionali pari a 30,2% ed a 16% nel confronto 2022/19. I dati denotano anche una variazione positiva 2022/19 del 4,5% nelle assunzioni di adulti che al tempo stesso però vedono la maggior flessione dei contratti non stagionali (-11,9%) rispetto alle altre categorie analizzate.

Vi invitiamo all’approfondimento della Bussola, redatta da Veneto Lavoro.