Home » Notizie dall’osservatorio » Il turismo in Veneto nei primi 8 mesi del 2020

Il turismo in Veneto nei primi 8 mesi del 2020

immagine decorativa

In un contesto di grave crisi internazionale, il turismo veneto subisce un forte contraccolpo, soprattutto per il forte interesse sempre dimostrato da clienti provenienti da tutto il mondo, che non è venuto meno ma che non si è potuto esprimere come di consueto.
Dopo un avvio positivo del 2020 (gennaio ha registrato un +8,1% di presenze, febbraio +2,1%), la pandemia e il lockdown determinano il crollo dei flussi turistici, che inizia a marzo (-83,7%), continua ad aprile (-95,7%) e a maggio (-93,4%), ma anche a giugno (-79%). A luglio la ripresa è più evidente, con flussi turistici che comunque rappresentano la metà di quelli registrati a luglio 2019. Sempre a luglio vanno evidenziati i primi segni positivi, che indicano l’aumento di turisti italiani (+3,2%), grazie alle vacanze di prossimità effettuate dai veneti stessi, da trentini/altoatesini, lombardi e friulani.
Ad agosto il segno delle presenze è sempre negativo, ma meno pesante dei mesi precedenti (-28%)…continua

(fonte Ufficio di Statistica della Regione del Veneto)