Vai al contenuto
Home » Notizie dall’osservatorio » Estate 2022: prenotazioni aeree in aumento

Estate 2022: prenotazioni aeree in aumento

Partenze

Tra gennaio e aprile 2022 sono stati 21 milioni i passeggeri in volo verso l’Italia di cui oltre 3 milioni negli aeroporti veneti, e le prenotazioni alla prima settimana di giugno sono in netta crescita rispetto all’estate 2021. 


Secondo i dati pubblicati dal Ministero del Turismo ed Enit relativi alle prenotazioni nei prossimi due mesi (Come va il turismo in Italia – Bollettino della seconda settimana di giugno 2022), le prenotazioni verso l’Italia evidenziano inoltre un margine di crescita (18%) rispetto ai volumi pre-pandemia del 2019.

Gli aeroporti veneti confermano questa tendenza, come ci raccontano i dati relativi al traffico di maggio elaborati da SAVE, la Società Aeroportuale Veneta.

Il traffico aereo in Veneto

Gli scali di Venezia, Treviso, Verona e Brescia) ha movimentato oltre 4,5 milioni di passeggeri tra gennaio e maggio 2022. Il recupero del traffico del 68% dei primi 5 mesi del 2019, per 47.898 movimenti complessivi. Il mese di maggio si è chiuso con oltre 1,4 milioni di passeggeri, pari all’85% del traffico del corrispondente mese del 2019.

L’aeroporto di Venezia ha movimentato oltre 900mila passeggeri nel mese di maggio e 2,78 milioni da inizio anno. Il recupero di traffico rispetto al 2019 è stato del 68%, con un andamento progressivo nel corso dei mesi (il recupero nel mese di maggio è stato dell’85%).

Il mercato domestico si riconferma come quello principale di riferimento, con 750mila passeggeri tra gennaio e maggio (27% del traffico totale). Principali mercati internazionali sono stati Francia, Gran Bretagna e Spagna.

Nel corso del mese di maggio sono riprese anche le operatività lungo raggio tra Venezia e gli Stati Uniti (Atlanta e New York JFK di Delta Air Lines, Philadelphia di American Airlines e New York EWR di United Airlines).

Lo scalo di Treviso ha gestito 246mila passeggeri in maggio e 916mila da inizio anno, con un recupero del 68% dei flussi del 2019 e un andamento progressivamente positivo (nel mese di maggio il recupero sui passeggeri del 2019 è stato dell’85%). 

L’89% dei passeggeri ha viaggiato su destinazioni internazionali. Primo mercato è stato la Spagna, seguito dal mercato domestico e dalla Romania. Principali città di destinazione finale nei primi 5 mesi del 2022 sono state Bruxelles, Bucarest e Tirana.

L’aeroporto di Verona ha registrato 255mila passeggeri nel mese di maggio e 824mila nei primi 5 mesi dell’anno, con un recupero dei volumi di traffico del 2019 del 70% (85% in maggio).

Principale mercato dello scalo veronese è stato il mercato domestico, con una quota del 51% del traffico complessivo (416mila passeggeri), seguito da Gran Bretagna, Albania, Germania ed Egitto.

Principali città di destinazione nei primi 5 mesi dell’anno sono state Catania, Palermo e Bari.